Il gelato gourmet di Paolo a I Laghi

Commenti (0) Cibo, Modena & Co, News, Street-Food

IMG_20190816_165825_1

laghi-curiel-campogalliano-2

Una gelateria gourmet a tutti gli effetti quella de I Laghi di Campogalliano, trattoria (con bar attiguo) tra le pochissime modenesi segnalate nella Guida Slow-Food, aperta ai Laghi Curiel nel 1998 da Paolo Reggiani insieme alla moglie. Un piccolo paradiso gourmand fruibile da marzo a dicembre nel cuore della lussureggiante oasi naturalistica del fiume Secchia, dove Paolo Reggiani, patron e chef de I Laghi, scopritore di antiche ricette modenesi dimenticate, sperimenta da tempo la mantecatura artigianale del gelato, con una gloriosa macchina Carpigiani verticale degli anni ’60, impiegando esclusivamente frutta di stagione locale, latte fresco autoctono di Vacca Rossa e Frisona, ed erbe del suo erbario, un ricchissimo giacimento di piante officinali che accudisce come un figlio.

IMG_20190816_165825_1 gelati di Paolo216 gusti gelato classici e gourmet completamente naturali ed eventualmente abbinabili in golosi percorsi di degustazione, che diventano veri e propri dessert al piatto, da gustare nella sala ristorante al termine della cena, ma anche al bar per una merenda rinfrescante immersi nel verde dei laghetti, gusti appaganti e ricercati, che seguono il ritmo delle stagioni e nascono dopo lunghi tasting insieme allo staff e ai clienti. Golosi e intensi la prugna Santa rosa e pepe di Sichuan; i peperoni, zucchero di canna e olio di oliva di Castelvetro; l’artemisia, latte e vaniglia; sorprendenti la zucchina con ridotto di sigaro toscano; il cetriolo al gin; zenzero e cioccolato; nocciola con saba e sedano tritato; ma anche il fico, oppure l’inaspettato gelato ai fagioli borlotti e pan di Spagna con farina di mais, creato in occasione di un evento letterario rileggendo polenta e fagioli, uno dei più popolari piatti padani.

image

di Luca Bonacini

Pubblicato in versione ridotta su Qn Resto del Carlino il 23.08.19